Andrea di stefano dating

È costituito da tre corpi di fabbrica: - la chiesa con la sagrestia del XV secolo; - il campanile completato sulla fine del XVI secolo; - il monastero con il chiostro, sempre datato al primi anni del ‘500.

La chiesa è a pianta rettangolare, con presbiterio e con abside poligonale a cinque lati.

Si continuò ad arricchire la chiesa di opere d'arte e di nuovi abbellimenti, non sempre felici negli esiti: ne sono un esempio gli stucchi barocchi della metà del ‘600, che deturpano l'aspetto originario dell'edificio.

Il culto a San Nicola ebbe tale successo che, a partire dalla seconda metà del Seicento, la chiesa stessa cominciò ad essere chiamata con il suo nome.

I Vitalba tennero fede ai propri impegni, gestendo con correttezza morale gli aspetti finanziari ed amministrativi connessi alla loro funzione di custodi.

Dalla fine del Settecento e per quasi tutto l' Ottocento la chiesa fu sempre officiata: vi si celebrava regolarmente la messa tutti i giorni festivi e si festeggiavano con particolare solennità alcune ricorrenze.

Il monastero venne edificato contemporaneamente, addossato al fianco sud della chiesa, che fu consacrata il 16 novembre 1518.

Nel Cinquecento il complesso di Santa Maria della Consolazione visse il momento più luminoso della sua storia: vi dimoravano stabilmente in media sette frati, dediti alla preghiera, allo studio e alla predicazione.

Infatti, attraverso l’utilizzo condiviso di alcuni dispositivi, i visitatori azionano una pompa che immette aria all’interno del gonfiabile, contribuendo a dar vita al grande cuore della città.

Più tardi, acquistati con le elemosine raccolte alcuni terreni poco discosti, il 10 agosto 1488 vi fondarono la chiesa ed il monastero di Santa Maria della Consolazione.

I lavori di costruzione si protrassero per diversi anni e si conclusero intorno al 1510.

Esternamente ha una conformazione che richiama le costruzioni a tre navate, con la centrale più alta delle laterali; in realtà è formata da un'unica grande aula, a cui sono addossate delle cappelle laterali.

È costruita con conci ben squadrati di calcare bianco-rosato delle antiche cave del torrente Tornago, disposti in file ben allineate.

988

Leave a Reply